La IA AFM alla scoperta dell’epigrafia latina

Classe I A AFM – Sabato 25 maggio 2019 noi studenti della classe  IA AFM, nell’ambito del progetto “Archeologia”, abbiamo avuto il piacere di incontrare l’archeologo Alessandro per fare una lezione riguardante l’epigrafia latina, cioè la scienza che studia le iscrizioni scritte sulla pietra dalla nascita del latino fino alla fine dell’impero romano. L’incontro si è svolto in due momenti: all’inizio abbiamo scoperto che i romani producevano vari tipi di iscrizioni, che usavano per diversi scopi come ad esempio le inscriptiones sacrae (dediche agli dei), le sepulcrales (lapidi funerarie), le honorariae (celebrazioni di personaggi famosi), leges ed acta (leggi e resoconti di riunioni), fasti e calendari (elenco di giorni fasti e nefasti e dei magistrati) ed infine i bolli e marchi di fabbrica.

Elemento ricorrente nell’epigrafia latina, e novità per noi, è l’onomastica. Gli elementi che la costituiscono sono praenomen, nomen, patronimico, tribù, cognomen, a cui i romani potevano aggiungere anche l’indicazione del cursus honorum per personaggi famosi (senatori e cavalieri).

Nella seconda parte dell’incontro, invece, abbiamo parlato della titolatura imperiale, partendo dalla “carta d’identità” di Ottaviano Augusto.

IMP. CAESAR DIVI F. AVGVSTVS

PONT. MAX. TRIB. POT. CONSUL IMPERATOR P.P.

Ottaviano Augusto, brillante condottiero, riuscì a risanare una Roma lacerata da sanguinose guerre civili trasformando l’ordinamento repubblicano in un potere personale all’apparenza democratico, come primus inter pares. Sotto il suo governo si realizzò una pace duratura, la cosiddetta PAX AUGUSTEA.

Tutto questo fu possibile attraverso una studiata opera di propaganda, basata anche sul potere delle immagini (statue e ritratti), mirata ad ottenere il consenso sia dei plebei che del Senato.

Inoltre, contribuì alla modernizzazione di Roma, come dimostrano le sue stesse parole: “Ho trovato una Roma di mattoni, l’ho lasciata di marmo

In conclusione: la lezione, forse perché  inusuale nel corso di studi Amministrazione, Finanza e Marketing, ha catturato la nostra attenzione e ci ha permesso di fare confronti con molti aspetti della vita contemporanea.

Precedente Uscita didattica a Numana: un tuffo nella storia antica delle Marche Successivo Il libro, un bene prezioso.