L’organico: umido o organico, una tipologia di rifiuto davvero preziosa!

Ormai un po’ in tutte le città, la raccolta differenziata consente un maggiore recupero di umido. I rifiuti organici sono formati da tutte quelle sostanze di origine vegetale o animale, che giornalmente occupano circa un terzo dei rifiuti solidi urbani: scarti di cucina, avanzi di cibo, scarti di frutta e verdura, bastoncini in legno per gelati, fondi di caffè e filtri di tè, escrementi di animali domestici, piccoli rifiuti di giardinaggio. Il modo migliore per smaltirli è trasformarli in una sostanza utile attraverso il processo di compostaggio. E’ però fondamentale, per poter compostare, escludere dalla raccolta ogni tipo di rifiuto che impedirebbe il processo di trasformazione. I rifiuti vengono trasformati in compost attraverso un processo biologico controllato con l’ausilio di microrganismi: tale processo inizia all’aperto collocando i rifiuti organici in cumuli pronti per la triturazione e l’ossigenazione. Imparare a riconoscerli e a gettarli correttamente è utile, non solo per evitare che finiscano nel secchio dell’indifferenziato ma anche per sfruttarli al meglio, anche in casa.

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

Effettuare una corretta differenziazione è quindi fondamentale per poter procedere correttamente allo smaltimento più opportuno. Se il comune in cui viviamo ha attivato il servizio di raccolta, porta a porta e non, informiamoci sui giorni per il conferimento. Si raccomanda di usare le sole bustine fornite in alcuni casi dai comuni o da quelle in mater-bi completamente compostabili. In questo caso, possiamo gettare anche tovaglioli sporchi

COMPOSTIERA DA GIARDINO

La compostiera domestica da giardino è un contenitore per il compostaggio (trasformazione in fertilizzanti di rifiuti solidi urbani di tipo organico) usato per trasformare i rifiuti organici della cucina e del giardino in ottimi compost naturale che sono terriccio per piante venduti in sacchi un po’ ovunque; è un materiale naturale ricco di elementi nutritivi per le piante. Il sempre crescente rispetto per la natura e per la volontà di ritrovare un maggiore rapporto con il verde, ha portato infatti a scegliere con frequenza crescenti soluzioni green per il proprio giardino. Il modo migliore per smaltire i rifiuti organici è senza dubbio quello di trasformarli in qualcosa di utile. Quasi tutti i beni di consumo sono destinati a diventare rifiuti; quindi l’obiettivo è quello di recuperare e reinserire in un nuovo ciclo i beni usati; perciò è importante che la società realizzi e promuova iniziative per ridurre i rifiuti alla fonte e mirare al recupero e riutilizzo dei materiali considerati inservibili.

Mattia Avenali, Matteo Capomasi, René Liuti  – 1A Agrario

 

Precedente Associazione Quadrifoglio: stop all’abbandono selvaggio dei rifiuti ingombranti! Successivo Giochi studenteschi: “una bella idea?” Alcuni ragazzi dell’istituto agrario hanno partecipato a competizioni sportive.